PER UNA EDUCAZIONE INTERCULTURALE

Si è svolto nei giorni 5/6/7 settembre 2014 a Senigallia l’VIII° Seminario Nazionale di Educazione Interculturale “Verso un nuovo umanesimo attraverso la revisione dei curricoli scolastici europei” organizzato dall’associazione Cvm (Comunità volontari per il mondo) - a cui PRO.DO.C.S. ha preso parte - che ha visto la partecipazione di quasi 200 persone provenienti da tutte le regioni d’Italia e da alcuni Paesi europei.

Il focus delle tre giornate di lavoro è stata la riflessione sulla modalità di avviare i giovani verso un Nuovo Umanesimo Cosmopolita, istanza espressa ormai anche dalle Indicazioni Nazionali 2012. Il seminario è stato riconosciuto dal Miur (Ministero istruzione, università e ricerca) quale attività di formazione e aggiornamento per il personale della scuola.
La finalità della formazione dei docenti è stata sostenuta, oltre che dalle lezioni teoriche dei professori e ricercatori universitari, anche da una serie di laboratori in cui i corsisti hanno potuto condividere e validare pacchetti didattici da sperimentare in contesto d’aula.
Il Seminario di quest’anno si è inserito nell’ambito del Progetto europeo “Critical review of the historical and social disciplines for a formal education suited to the global society” -
“La revisione critica delle discipline storiche e sociali per una educazione formale adatta alla società globale” - Rif: EuropeAid/131141/C/ACT/Multi. Il consorzio del progetto, di cui PRO.DO.C.S. è parte, con capofila la ONG CVM, ha ottenuto dall'Unione europea un co-finanziamento per realizzare nel corso di tre anni questo progetto volto ad introdurre in 6 Paesi dell’Unione l'educazione alla cittadinanza mondiale nei curricoli scolastici di storia, geografia ed educazione civica attraverso una loro revisione tematica e metodologica.

PRO.DO.C.S. – sempre nell’ambito di tale progetto, in prosecuzione dell’evento di Senigallia e con l’intento di favorire la partecipazione del personale docente delle Regioni del Sud Italia – sta organizzando il II° Seminario Nazionale di Educazione Interculturale “Verso un nuovo umanesimo attraverso la revisione dei curricoli scolastici europei”, che si svolgerà nei giorni 27/28/29 novembre 2014 a Rossano Calabro. Anche questa edizione intende promuovere una riflessione con un fuoco sulla rivisitazione scientifica delle materie scolastiche. Lo scopo è quello di costruire una conoscenza che favorisca atteggiamenti di dialogo e di corresponsabilità nella gestione del comune spazio planetario. Il seminario vuole essere un punto di riferimento per la formazione e l’aggiornamento degli insegnanti, per una programmazione di studio adatta a capire la complessità della società globalizzata in dialogo educativo con le Autorità.

La I° edizione del Seminario di quest’anno ha visto la partecipazione di ricercatori di fama internazionale e nazionale quali Christian Grataloup, docente di geostoria a l'Université Paris VII-Denis-Diderot. I suoi temi di ricerca spaziano dalla geostoria della mondializzazione, alla didattica della geostoria.
Catia Brunelli dell’Università di Urbino, ricercatrice nel campo dell’educazione alla sostenibilità con particolare riferimento alla questione interculturale. Si interessa di geostoria e lavora nella formazione degli insegnanti per attivare la presa di coscienza dell’inidoneità dell’attuale modello di sviluppo e dell’urgenza di individuarne uno più rispettoso delle esigenze di vita e dei diritti di tutti.
Antonio Brusa, docente di didattica della storia e consulente del Ministero per la stesura delle indicazioni di insegnamento della storia nella scuola di base. Uno dei massimi esperti italiani ed europei dell'insegnamento storico che pone grande attenzione alle metodologie di insegnamento ed è animatore del sito historia ludens.
Andrea Fumagalli, uno dei massimi teorici italiani dell'economia della conoscenza e dei temi del reddito di cittadinanza, docente di economia politica a Pavia, studia da anni le trasformazioni del lavoro e il problema del precariato.
Roberto Mancini dell’Università di Macerata il quale ha proposto una riflessione su “La riforma della scuola” e ha evidenziato l’urgenza di una svolta spirituale in quanto l’attuale è una crisi non tanto economica quanto di civiltà, di valori, di democrazia.

----------------------------------
Presentazione Fotografica Programma promosso di cooperazione internazionale in Kosovo, AID 8668

---------------------------------
Il 7 aprile l'ambasciatore italiano in Moldova ha visitato il Centro per l’infanzia, l’adolescenza e la famiglia di Chisinau, interamente ristrutturato e arredato da PRO.DO.C.S. in convenzione con il Municipio di Chisinau, grazie al programma di cooperazione italiana realizzato tra il 2004 e il 2007.
Ecco il link alla notizia ufficiale pubblicata sul sito del Municipio di Chisinau:
http://dmpdc.md/vizita-excelentei-sale-ambasadorului-italiei-in-republica-moldova-la-centru-pentru-copilarie-adolescenta-si-familie/#more-1284
__________________________

PRO.DO.C.S. partecipa al Progetto europeo "La revisione critica delle discipline storiche e sociali per una educazione formale adatta alla società globale” 
EuropeAid/131141/C/ACT/Multi 
------------------------------
Pubblicazione del Bilancio ONG Anno 2012 e Bilancio Anno 2013 in SEZIONE "CHI SIAMO"


La Carta di Lampedusa

PRO.DO.C.S. insieme a FOCSIV e numerose associazioni e singole persone ha sottoscritto il manifesto: “La Carta di Lampedusa”, dando seguito alla mobilitazione della società italiana dopo i tristi eventi del 3 ottobre 2013. Esso afferma un diritto dal basso per la libertà di movimento e di restare dove si sceglie di vivere, di tutte e tutti, contro discriminazioni e violenze, per poter cambiare profondamente un sistema di politiche sulle migrazioni che causa migliaia di vittime lungo le frontiere dell'Unione europea. Questo non è più possibile e tollerabile.


2014 Anno europeo della conciliazione tra vita professionale e vita familiare

Il 7 febbraio il Parlamento Europeo ha adottato la Dichiarazione scritta n. 32 in cui si chiede la designazione del 2014 come Anno europeo per la conciliazione tra la vita lavorativa e la vita familiare.
Le politiche per la conciliazione rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli sociali, economici e culturali, servono a fornire strumenti che, rendendo compatibili sfera lavorativa e sfera familiare, consentono a ciascun individuo di vivere al meglio i molteplici ruoli che gioca all’interno di una società complessa. Queste politiche coinvolgono la società nella sua interezza, uomini e donne, organizzazioni, la sfera privata e quella pubblica e hanno un impatto sul riequilibrio dei carichi di cura all’interno della coppia, sull’organizzazione del lavoro e dei tempi delle città.


ANNO INTERNAZIONALE ONU DELL'AGRICOLTURA FAMILIARE

L'ONU PROCLAMA IL 2014 "ANNO INTERNAZIONALE DELL'AGRICOLTURA FAMILIARE"
L’ONU riconosce il ruolo dell’agricoltura familiare nella lotta alla fame e per la preservazione delle risorse naturali e lo sviluppo sostenibile.


Presentazione dell'Annuario italiano dei diritti umani 2013

La presentazione si è svolta giovedì 19 settembre alle ore 16.30 presso la Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani in via della Dogana Vecchia 29 a Roma.
L'evento è stato organizzato in collaborazione con la Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato e con il Comitato Interministeriale per i Diritti Umani del Ministero Affari Esteri.


Rapporto sullo sviluppo umano 2013

Il Rapporto sullo sviluppo umano 2013 - "La rinascita del Sud: il progresso umano in un mondo diverso" - sarà lanciato il 14 marzo 2013 a Città del Messico dal presidente del Messico, Enrique Peña Nieto, e dall'Amministratore dell'UNDP (United Nations Development programme), Helen Clark. Il Rapporto esamina il profondo cambiamento nella dinamica globale guidato dai nuovi poteri in rapida crescita del mondo in via di sviluppo e le sue implicazioni a lungo termine per lo sviluppo umano.


italiano inglese francese spagnolo
cerca nel sito:
Ricerca avanzata »
partners
bl ONG s
Annamaria e Fabio
Lo spazio in cui i cooperanti e i volontari nel mondo possono tenerci aggiornati sulla loro attività.
libro del mese
Diritti di Cittadinanze

Il libro prende atto dei mutamenti sistemici in corso nella realtà odierna e dei fenomeni sociali che trasformano di continuo le relazioni umane, incidendo sulle visioni antropologiche e ideologiche di società sempre più multietniche e multiculturali.
La scelta del tema evidenzia bene come siano molteplici le definizioni con cui si è andato connotando il termine di cittadinanza nell’evoluzione storica del dibattito giuridico-politico. Definizioni diverse tra loro a seconda dei principi e criteri con cui è riconosciuta ed attribuita ai cittadini da parte di uno stato. Significati diversi di cittadinanza messi in relazione con le strutture dei contesti societari, alla luce dei cambiamenti sociopolitici ed economici che essi vanno subendo e che incidono sulle stesse definizioni di società in una dinamica di reciprocità significante. 
La pubblicazione è rivolta in modo particolare ai Formatori.
Sono loro infatti a ad affrontare i temi della cittadinanza, dell’eguaglianza, della convivenza multietnica, nell’educazione formale e non formale.
 
Ultimo aggiornamento in
Pubblicazioni e Ricerche sulle Nazioni Unite in Italia
(venerdì 09 febbraio 2007)

Sede legale: via Etruria, 14 - 00183 Roma Tel. 0677072773 - Fax 067003710 - prodocs@prodocs.org - C.F. 97036450589
solution by kapusons